info@marcons.it
+39 06 70490030
Login
Marcons > News > Approfondimenti > Export Control e Dual Use: il 9 settembre 2021 è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo

Export Control e Dual Use: il 9 settembre 2021 è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo

Postato da: Banca Simone Popolare
Categoria: Approfondimenti

Il dual use tra mondo civile e mondo militare

Lasciamoci introdurre all’argomento dell’export control e del dual use da tre fatti di cronaca che hanno qualcosa in comune:

  1. Anversa, aprile 2018. La Corte penale conferma il coinvolgimento di tre compagnie belghe nell’esportazione verso la Siria di 96 tonnellate di alcool isopropanolo, in seguito a un’inchiesta giornalistica che aveva collegato queste esportazioni, avvenute tra il 2014 e il 2016, alla successiva creazione – e utilizzo – del gas sarin. L’isopropanolo, o alcool isopropilico, è un prodotto molto utilizzato nell’industria farmaceutica o nel settore delle vernici; tuttavia, il suo potenziale utilizzo nella creazione di gas nervini fa sì che sia attenzionato e non liberamente esportabile.
  2. Napoli, aprile 2021. Quasi 14.700 chilogrammi di fluoruro di idrogeno (acido fluoridrico) sono intercettati e sequestrati dai funzionari dell’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli (ADM) prima di essere inviati in Tunisia. L’acido fluoridricoviene utilizzato principalmente nell’industriaelettronica, dei semiconduttori e dell’energia solare per il trattamento delle superfici, nonché nell’industria chimica e nei laboratori; è usato però anche in prodotti e miscele chimiche che utilizzati come precursori per agenti tossicologici.
  3. La Spezia, settembre 2021. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli individua e blocca 9 tonnellate di un prodotto commerciale che contiene bifluoruro di ammonio, in concentrazione variabile tra il 70 e l’80%, destinato all’esportazione verso il Sud America. Il bifluoruro di ammonio è una sostanza chimica usata per impieghi civili ma con potenziale utilizzo nella fabbricazione di agenti tossicologici. I responsabili della società esportatrice sono accusati di esportazione non autorizzata di prodotti a duplice uso.

In tutti e tre i casi, i prodotti, identificati come dual use, ovvero materiali a duplice uso (civile e militare), non sono passati per l’iter autorizzativo previsto per la loro esportazione causando per gli incauti rappresentanti delle società interessate notevoli problemi di natura penale.

Negli esempi riportati si tratta di sostanze chimiche, ma i prodotti a duplice uso possono essere di diversa natura: tubi, guarnizioni, pompe, cuscinetti a sfera, rivestimenti isotermici, persino software…

 

I prodotti dual use o a duplice uso

I beni cosiddetti dual use sono tutti quei prodotti, inclusi software e tecnologie, che possono avere un utilizzo sia civile sia militare, e comprendono quelli che possono essere impiegati per la progettazione, lo sviluppo, la produzione o l’uso di armi nucleari, chimiche o biologiche, o dei loro vettori, compresi tutti i prodotti che possono avere sia un utilizzo non esplosivo, sia un qualsiasi impiego nella fabbricazione di armi nucleari o di altri ordigni esplosivi nucleari.

Il Regolamento (UE) 2021/821 fornisce nel suo Allegato I una lista di tutti i beni considerati a duplice uso in base alle loro caratteristiche tecniche, i quali non possono essere esportati (ed uscire dunque dal territorio doganale dell’Unione europea) se non in seguito a specifica autorizzazione.

Esempi di prodotti dual use quindi possono essere:

  • Materiali nucleari o speciali e relative apparecchiature;
  • Trattamento e lavorazione dei materiali;
  • Materiali elettronici;
  • Telecomunicazioni e prodotti legati alla sicurezza dell’informazione;
  • Sensori e laser;
  • Materiale d’aviazione e navigazione;
  • Materiale aerospaziale e di propulsione

Si tratta di una materia molto delicata, il cui sistema di controllo e legislazione varia a seconda delle variazioni dei flussi geopolitici mondiali. Parliamo del cosiddetto export control.

 

Che cos’è l’Export control?

La materia dell’export control raggruppa tutte quelle misure di restrizione agli scambi internazionali volte a regolare e/o ad impedire, tramite vari strumenti, la circolazione di alcuni beni e/o alcune categorie di beni per la protezione e tutela di interessi pubblici. Tra questi, ovviamente, rientrano anche i beni a duplice uso.

Con l’incremento dei flussi internazionali dato dalla globalizzazione, l’export control ha acquisito una certa rilevanza fino ad oggi, in cui i rischi cambiano e si rinnovano, a seconda della sensibilità geopolitica di certi paesi.

L’export control dipende in ogni caso anche dagli accordi politico-commerciali che il paese esportatore ha con il paese di destinazione.

 

Le ultimissime novità sull’Export control

Il 9 settembre 2021 è entrato in vigore il nuovo Regolamento UE che rinnova il controllo alle esportazioni dei beni dual use.

Le novità riguarderanno anche l’intermediazione, l’assistenza tecnica, il transito e il trasferimento di tali prodotti. Entrando ancora più nel dettaglio, tra le principali novità vi sono:

  • strategie per fronteggiare le sfide poste dalle nuove tecnologie a duplice uso, tra cui la cyber security, che rappresentano un rischio per la sicurezza nazionale e internazionale;
  • aggiornamento di alcune nozioni, definizioni chiave e autorizzazioni del settore;
  • obbligo dei processi di screening e di due diligence, ovvero l’indagine (o esercizio di diligenza) che generalmente precede un accordo o contratto, in relazione a settori sensibili come ad esempio la cyber security.

Altre informazioni sono riportate dagli esperti che terranno il prossimo seminario Marcons sull’argomento.

 

Per saperne di più

L’esportazione di beni e tecnologie duali è disciplinata da una varietà di normative e procedure che rispondono alle esigenze di sicurezza nazionale ed internazionale. Ed è proprio a seguito delle ultime evoluzioni legislative che Marcons Srl ha pensato a un seminario proprio su questo tema, condotto dall’avv. Marco Padovan e dall’avv. Francesco Candeago dello studio Padovan di Milano , esperti in materia. Per chi fosse interessato a questo seminario o volesse saperne di più sull’attività formativa di Marcons può consultare il nostro sito o compilare il form online.